20 YEARS OF SPELLBOUND

13 Jan 2014

Spellbound Contemporary Ballet torna a Roma all’Auditorium Conciliazione il 15 gennaio 2014 alle 20.30 per festeggiare il suo 20° anniversario con 20 YEARS OF SPELLBOUND – 1994/2014 per una serata con una remix di coreografie edite e un lavoro inedito a firma di Mauro Astolfi, prodotta in collaborazione con Rassegna Tersicore e Auditorium Conciliazione.

La serata si articola in due tempi: Primo tempo dal titolo RESHAPING THE PAST, che come suggerito dal titolo, è un riadattamento di alcuni quadri tratti dal repertorio recente ed è formato da estratti da RELAZiONI [PERICOLOSE], prodotto in collaborazione con la Fondazione  Teatro Verdi di Pisa, e LOST FOR WORDS – L’INVASIONE DELLE PAROLE VUOTE - STUDIO III, prodotto con  il contributo della  Regione Lazio/Assessorato Cultura, Arte e Sport Area Spettacolo dal Vivo. Il Secondo tempo, dal titolo DARE, è un debutto in prima mondiale, un omaggio al pubblico romano per festeggiare insieme questi primi 20 anni di attività.

 

Relazioni [Pericolose]. La sola espressione “Relazioni Pericolose” è già di per sé un pericolo per il solo fatto che inesorabilmente riconduca al capolavoro di Choderlos De Laclos e quindi inneschi una sorta di immediata aspettativa che anche qui si parli dei personaggi licenziosi, intriganti, assoluti e libertini protagonisti di questi amori violenti e passionali.

L’aspetto pericoloso di altri tipi di relazioni, non necessariamente a sfondo sessuale, non così manifeste ed estreme è uno dei ragionamenti da cui si alimenta la libera ispirazione di Mauro Astolfi, su musiche originali di Notfromearth, disegno luci di Marco Policastro e scene di Andrea Sorbera. E se il romanzo esplora i percorsi della seduzione, della vendetta, e ne fa un quadro di sottile denuncia morale della corruzione e della precaria condizione umana, continuamente sopraffatta dall’esercizio della vanità, “le nostre relazioni pericolose - afferma Astolfi - investigano un’apparente calma, una normale relazione fatta di incontri, di una lettura accidentale di lettere, di messaggi, che arrivano forse nelle mani sbagliate e che, come nei migliori romanzi epistolari, diventano l’inizio e la fine di tutto quello che si era creduto fosse la realtà. Una strana casa fa da cornice: un ambiente che riceve ospiti e dove sono attesi appuntamenti, ma dove nessun padrone di casa di fatto ha invitato nessuno.”

 

Lost For Words- L’invasione delle parole vuote Studio III. È l’ultimo atto della omonima trilogia, su musiche originali di Carlo Alfano, che sviluppa attraverso il movimento  un processo al ‘sistema parlato’ e falsato  dei rapporti umani, per riportare il linguaggio del corpo a un ruolo primario e  veritiero nella comunicazione. “Lost For Words“ è un progetto in tre parti sostenuto da Avvertenze Generali e Civitanova Danza, Regione Lazio/Assessorato Cultura, Arte e Sport Area Spettacolo dal Vivo ed è stata l’unica produzione europea assegnataria di un NDP (National dance Project) subsidy negli Stati Uniti per la stagione 2012/2013.

 

Dare. È la nuova creazione di Astolfi, il ringraziamento a tutti coloro che hanno dato il loro corpo, la loro energia, le loro attenzioni, i loro pensieri al progetto Spellbound. “Non ci siamo mai fermati, forse ci siamo guardati indietro ma solo per trovare la spontaneità della spinta ad andare avanti.  Abbiamo reinventato all’infinito, abbiamo scoperto quanto fosse inutile aspettare che qualcosa accadesse, ci siamo ancora concentrati di più sul come si potesse Dare meglio quello che per noi era importante. Dare è la nostra dedica agli altri e a noi stessi, è l’idea che si è costruita lentamente attorno a questa festa. Dare racconta una cosa semplice: a volte, anche nella vita reale e non solo nei film, se non ci si concentra solo sulle cose che non vanno bene, si incontrano quelle che vanno bene. Dare forza ed energia a un progetto ne permette la realizzazione ma al tempo stesso  costruisce  qualcosa di importante in noi. La creatività non può nascere dalla paura di non farcela ma dalla sensazione che in qualche modo il successo o almeno parte di esso sia continuare ad avere voglia di Dare.”

 

TUTTE LE NEWS